MagisterLudi

ottobre 2, 2007

Vi presento Plauto

Filed under: latino,terza — prof @ 5:26 pm

Vi presento Plauto, poliedrico autore di commedie, partendo dalla sua fine: eccovi cosa dice di lui il suo epitafio riportatoci da Aulo Gellio attraverso Varrone… anzi, secondo le nostre fonti, questi versi esametri sono opera dello stesso Plauto; ipotesi simpaticamente grottesca e ai limiti del credibile per un personaggio come il nostro, ma non convince per nulla i critici.

Postquam est mortem aptus Plautus, Comoedia luget,
Scaena est deserta, dein Risus Ludus Iocusque
et Numeri innumeri simul omnes conlacrimarunt.

Dopo che Plauto s’è “attaccato” alla morte, la Commedia piange,
la Scena è abbandonata, e Riso e Gioco e Scherzo
e i Ritmi senza fine si sono messi insieme a lacrimare.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: